L’indagine storica, ovvero la ricerca di tutte le fonti riguardanti un certo avvenimento del passato o i personaggi che vi presero parte, è fondamentale nell’attività di una rievocazione storica.
Questo genere di affascinanti indagini coinvolge un gruppo di lavoro appositamente formato da ARTECA, con l’obiettivo di ricercare ed esprimere l’identità culturale della popolazione locale, la cui storia risale alla seconda metà del XV secolo.
Fino al 1481 il territorio che corrisponde all’attuale Alberobello si trovava sotto la giurisdizione di Martina Franca: quell’anno, poi, Ferdinando d’Aragona concesse ad Andrea Matteo (della casata degli Acquaviva di Conversano) l’investitura di nuovo feudo, che comprendeva anche la stessa Sylva, la futura Alberobello.
 
La Selva di allora doveva presentarsi come una distesa di vegetazione fitta e ancora incolta, ma anche con ampi terreni fertili che avrebbero permesso ai Conti di Conversano (ormai governatori del feudo) di ricavarne degli utili. Per questo, Andrea Matteo vi condusse dai villaggi limitrofi (che erano già consolidati) gente che potesse lavorare quei campi: furono quegli esuli e la loro discendenza a costituire la prima popolazione propriamente alberobellese.
Ogni anno, lo studio approfondito delle fonti storiche a disposizione dell’Associazione viene condiviso con sceneggiatori e registi professionisti, insieme ai quali ARTECA realizza la trasposizione scenica finale di Arboris Belli, la manifestazione che prende il nome dall’antica denominazione della cittadina di Alberobello.
Le rievocazioni storiche organizzate da ARTECA rispecchiano lo sforzo della ricerca documentale e l’eredità delle testimonianze orali, che costituisce un inestimabile patrimonio immateriale della collettività.
 
Oltre a servirsi del lavoro di ricerca nelle fasi di scrittura della pièce, la rievocazione mette in scena arredi e manufatti storici provenienti dal lavoro di restauro, creazione e conservazione degli oggetti tradizionali del laboratorio permanente dell’Associazione, nonché i costumi d’epoca progettati dallo storico del costume Carmelo Sumerano e realizzati nell’atelier sartoriale di ARTECA.

LA rievocazione

COSA facciamo

IL METODO ARTECA 

Web Documentary

Reaserch design e sviluppo grafico di Officine B12