Image Alt

Costumi storici

A partire da un nucleo originale di costumi finanziati dall’amministrazione comunale per i 300 figuranti del primo Corteo Storico dell’Indipendenza di Alberobello, nel 2005, l’Arteca ha custodito, catalogato, riparato questo patrimonio, e man mano lo ha implementato con ulteriori costumi storici e non, richiesti dalle diverse rievocazioni e rappresentazioni messe in scena in tutti questi anni. 

In particolare, nel 2017, attraverso uno studio approfondito dello stile e della tecnica dell’abbigliamento del diciottesimo secolo, basato su ricerche specifiche di settore e documentazioni iconografiche e testuali e l’istituizione di un Laboratorio del Costume Storico, si sono potuti realizzare alcuni abiti settecenteschi, sapientemente ricostruiti secondo le tipologie proprie dell’epoca di riferimento, con l’impiego di materiali e complementi di qualità e per mezzo di una realizzazione sartoriale di alto livello.

I costumi, progettati dallo storico del costume Carmelo Sumerano, e realizzati con la sua supervisione nell’atelier sartoriale di Arteca, dove hanno operato alcune maestranze anche a titolo gratuito, sono stati oggetto dell’Esposizione Museale inaugurata il 28 maggio 2017 nel rione Aia Piccola del Comune di Alberobello. Inoltre è stata proposta ai visitatori una “passeggiata” nel tempo per osservare da vicino gli abiti di tutti i giorni, ma anche da festa, della classe contadina e artigiana e alcuni raffinati abiti da giorno della Borghesia locale, per toccare con mano le evoluzioni della moda dell’epoca con uno sguardo attento ai cambiamenti della moda maschile, propri di quest’epoca.

I costumi sono e saranno oggetto di studio, divulgazione, e promozione della comunità dei selvesi e, in particolar modo, testimoni della vita e degli usi della popolazione della Terra di Bari a partire dagli inizi del 1700 per finire ai primi anni del 1900.

Articoli recenti